Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
Le moderne case in legno | Moderne case in legno per il benessere abitativo


IIl sistema costruttivo in legno massiccio x-lam riesce a coniugare i vantaggi del microclima di una casa in legno massiccio,con la libera progettazione architettonica, nel risultato formale e nella finitura delle superfici a vista interne ed esterne degli edifici.

Con questo sistema si possono realizzare costruzioni a più piani di tutte le tipologie architettoniche, ottenendo eccellenti prestazioni e adeguate risposte ai requisiti richiesti normalmente ad un edificio.


Queste costruzioni, si distinguono soprattutto per l’ottimo comportamento termoigrometrico, il buon isolamento acustico, la velocità di costruzione, la resistenza a forti sismi, la protezione dal fuoco; sono bioecologiche, e con la giusta attenzione nella progettazione dei particolari costruttivi unita alla corretta realizzazione degli stessi in cantiere, hanno una durata che va ben oltre le aspettative di vita di un edificio.

Il moltiplicarsi delle realizzazioni è testimonianza del crescente interesse che questa tecnologia riscontra nel mondo dell’edilizia. Il sistema è nato in Europa (Austria e Germania) da poche piccole aziende (segherie) che vi hanno creduto da subito e hanno investito tutte le loro risorse in ricerca, sperimentazione e autocostruzione degli impianti produttivi. Le prime realizzazioni in x-lam incollato sono degli anni 1991-92.

Il sistema è stato in seguito particolarmente apprezzato soprattutto dai nuovi disciplinari di contenimento del consumo energetico degli edifici, ormai comuni a tutta Europa (CASACLIMA, MINERGIE, ecc.) per la chiara successione degli strati dei pacchetti costruttivi e la polivalenza della materia legno.

Il legno è un ottimo isolante termico: dà protezione dal freddo invernale grazie alla bassa termo-conduttività e protezione dal caldo estivo per l’alta capacità di accumulo. L’approfondimento della FISICA EDILIZIA nella progettazione degli edifici introdotta ora anche in Italia dalla legge 192/2005 e successivo decreto 311/2006 e i cogenti nuovi limiti di consumo energetico, riconoscono piena validazione a questi involucri.

DIEMMELEGNO è tra le prime aziende in Italia ad aver introdotto questo sistema nell’anno 2000, utilizzando pannelli di produzione estera; presto, forte della sua tecnologia del legno lamellare (si producono lamellari dal 1995) decide di avviare una produzione di un pannello modulare x-lam con legno italiano segato ed essiccato nella propria segheria.

Ne è nato un progetto di ricerca che dopo numerose prove in stabilimento, ha consentito di realizzare dei prototipi diventati poi oggetto di indagine sperimentale condotta presso il D.I.C.A. (Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura dell’Università degli Studi di Udine).

I positivi risultati ottenuti hanno portato alla realizzazione di un impianto specifico per la produzione del pannello (inizio produzione 2005). Il sistema strutturale adottato è il sistema modulare composto da elementi di larghezza 125 cm.(possibili larghezze diverse cm.100 - 62.5-,ecc.) e di altezza corrispondente al multiplo dell’altezza parete di progetto (verghe fino 8.3m.), con un sistema reversibile di accoppiamento tra gli stessi tale da permettere di ricavare elementi per pareti inclinate senza il minimo scarto di prodotto. Lo spessore dei pannelli varia in funzione delle portate e la successione degli strati dipende soprattutto dal loro utilizzo, come parete o come solaio.


Le figure ben rappresentano l’ottimale utilizzo della materia.

Dopo il taglio e la profilatura con macchina cnc secondo il progetto esecutivo l’allestimento delle pareti “trasportabili “avviene su banco in stabilimento nel rispetto di un ben preciso disciplinare costruttivo. Nei cantieri in cui gli spazi sono ristretti e confinati, soprattutto nelle ristrutturazioni e sopraelevazioni, la dimensione e la modularità degli elementi permettono un agevole montaggio direttamente in cantiere.